Spunti filosofici: il secondo sesso, di Simone de Beauvoir

Quanto all’aborto, in nessun luogo esso è ufficialmente autorizzato dalle leggi. Il diritto romano non accordava speciale protezione alla vita embrionale; non considerava il nasciturus come un essere umano ma come una parte del corpo materno. Partus antequam edatur mulieris portio est vel viscerum.(5) Al tempo della decadenza l’aborto diventa una pratica normale e il legislatore che voleva incoraggiare le nascite non osava proibirle. Se la donna non aveva voluto il figlio contro la volontà del marito, questi poteva farla punire, ma era la sua disobbedienza a costituire delitto. Nell’insieme della civiltà orientale e greco-romana, l’aborto è ammesso dalla legge.

Il cristianesimo ha capovolto le idee morali in proposito, attribuendo all’embrione un’anima; allora l’aborto divenne un delitto contro il feto stesso. “Ogni donna che fa in modo di non generare tanti figli quanti potrebbe, si rende colpevole di altrettanti omicidi, come la donna che cerca di recar danno al proprio corpo dopo la concezione” dice S. Agostino. A Bisanzio l’aborto era punito solo con una temporanea relegazione; tra i barbari che praticavano l’infanticidio era condannato solo se era stato perpetrato con la violenza, contro la volontà della madre: veniva riscattato col prezzo del sangue. Ma i primi concili ordinano contro questo “omicidio” le pene più severe, qualunque sia l’età presunta del feto. Tuttavia, nasce una domanda che fu oggetto di discussioni infinite: in che modo l’anima penetra nel corpo?

 

(5) Lévi Strauss, Le structures élémentaires de la parenté.

Il secondo sesso, di Simone de Beauvoir, traduzione di Roberto Cantini e Mario Andreose, ed. Il Saggiatore, pp.140-141

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...