Spunti narrativi: L’assassina, di Alexandros Papadiamantis

Quel giorno la sposa si pavoneggiava nel suo lussuoso abito da sposa, frutto di molti digiuni ed economie, ma essa non aveva più quella figura così slanciata che poteva, un tempo, ostentare.

Tre mesi dopo le nozze partorì una femmina e dopo tre anni un maschio. Trascorsi altri due anni, ancora una bimba, quella che costringeva ora la vecchia nonna a vegliare, di notte, sulla sua culla. Per queste figliole la loro madre avrebbe dovuto patire tante pene, il doppio di quanto sua mamma aveva sofferto per lei.

Amersa, la povera e mascolina Amersa (Dio la benedica!) era invece rimasta nubile. Ma era stata fortunata, perchè era veramente una ragazza saggia: quali piaceri avrebbe potuto trarre dalle pene di questo mondo? E non era neppure gelosa. Perchè avrebbe dovuto esserlo? Vedendo la vita che stava conducendo sua sorella non poteva non provare compassione e vivo dolore.

Quando a Kriniò, la figlia minore (Dio protegga anche lei!), sua madre non aveva intenzione (non ce la faceva più, non era più giovane) di affrontare nemmeno la millesima parte di quelle pene che aveva dovuto soffrire per sistemare la maggiore. Mi domando, pensava, se era proprio il caso di mettere al mondo tante figliole! E quando vengono al mondo vale forse la pena di allevarle? Non c’è come rimedio la morte? Non c’è qualche burrone che possa servire a questo scopo? Bisognava farsi furbi, meglio non allevarle!

– Alexandros Papadiamantis, L’assassina, trad. di Francesco Màspero (Feltrinelli, 1989) –

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...